Print Friendly Version of this pageStampa Get a PDF version of this webpagePDF

Testimonianza di Mattia

Testimonianza di Mattia

Carissimi lettori,mi chiamo Mattia Albano, sono un seminarista del Seminario Maggiore Interdiocesano di Basilicata e vorrei parlarvi della mia esperienza vocazionale. Il seminarista, in cerca di una risposta alla sua chiamata, interroga Dio così come un bambino interroga suo padre, con fiducia e pazienza, sicuro che la risposta giusta sarà data a tempo debito, quando sarà in grado di assimilarla. Così anche in tutti gli ambiti della nostra vita , secondo le circostanze, dobbiamo confrontarci con dei perché: chi sono? perché esisto? perché c’è la sofferenza o il male?

Questi perché riguardano in un certo qual modo, il senso stesso della nostra vita. La risposta a queste domande potrà essere data solamente da Dio. Anche io, nel mio cammino di discernimento, e conferma a tale chiamata, mi sono posto dei perché: perché proprio io?, perché Dio dovrebbe chiamare proprio me?, ecc. La risposta a questi miei interrogativi l’ho ricevuta incontrando Dio, e la sua grazia ha cominciato a lavorare in me , sino a fare germogliare un desiderio di seguirlo , di servirlo , di amarlo. Con questa certezza nel cuore, ho iniziato il mio cammino in Seminario,imparando ad affidarmi totalmente a Dio, lasciando che sia Egli stesso a guidarmi, Lui solo farà la mia felicità. Cristo attira uomini e donne alla sua sequela, e aspetta da ognuno un’adesione fiduciosa e chiede a ciascuno, una crescita nell’amore. Molte nel mio cammino vocazionale sono state le sofferenze,legate alla mia vita personale e familiare, ma queste non mi hanno allontanato da Cristo, anzi mi hanno molto avvicinato a Lui, sapendo che un servizio e una donazione totale di sé avviene solo nella sofferenza, come Cristo stesso ci insegna sulla Croce. Non escludo che, insorgono delle domande inerenti a ciò che Dio potrebbe aspettarsi da me: sarò felice? Perderò la mia libertà? È la mia strada? Mancherò in qualcosa? È chiesto troppo?. Ma sono paure e interrogativi, che in parte hanno già trovato risposte, e che ne troveranno altre durante il mio cammino. Tuttavia quanto più trovo Dio rispondendo alla sua chiamata, tanto più desidero andare avanti con lui. Certe volte, gli insuccessi o qualsiasi tipo di sofferenza, mi spingono a pormi vere domande e a volgermi verso il Signore. Non saprei cosa dire di più, perché quando parlo della mia vocazione molto spesso è “imbarazzante” perché è come se parlassi ad un amico del mio amore per una Persona che io ho realmente incontrato e, che è Cristo. Si, sono certo di averlo incontrato e sicuro di volerlo seguire, per sempre o in questo cammino al Sacerdozio, o per altre vie che Egli mi indicherà. Gesù nel Vangelo ci invita a seguirlo, a “prendere il suo giogo soave”, allora sapendo che nel mio cammino è necessario, avere Cristo e soltanto Cristo come riferimento, mi voglio arricchire della sua povertà al fine di essere davvero quello che Lui vuole, per essere un buon discepolo e fare la sua volontà. Mi affido a Maria, Discepola e Madre, affinché custodisca nel suo Cuore Immacolato la mia vocazione, e la vocazione di tanti altri giovani come me.

Grazie.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

Newsletter

 

Seguici

lamiaVocazione.it
Suore Compassioniste Serve di Maria
Via Appia Nuova 1009
00178 Roma
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mappa