Print Friendly Version of this pageStampa Get a PDF version of this webpagePDF

Dio è fuoco divorante

XXII Domenica del T.O.

Dio è fuoco divorante

"Tu mi hai sedotto... mi hai fatto forza". Geremia esprime così la sua esperienza con Dio. Anche Pietro conosce la seduzione di Cristo: " Tu sei il Cristo il Figlio di Dio vivente". Pietro si aspettava un Messia trionfante ma Gesù comincia a smontare le sue illusioni parlando della sua morte. Pietro reagisce ma Gesu non molla: "Lungi da me satana....non pensi secondo Dio ma secondo gli uomini!".

La logica della vita cristiana è la Croce. Gesù rivela ai suoi discepoli che la sequela di Cristo implica la logica della Croce. "Se qualcuno vuol venire dietro di me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua" La fede è una seduzione ma una seduzione esigente non può pretendere di aggirare la croce. Il Signore ci invita a rinunciare a noi stessi, ad immaginare un trionfo del Cristo che passerà dalle nostre mani. Non scendere a patti in maniera morbida con la sofferenza ma ad entrare nel mistero di apertura e di amore, nell'avventura del dono totale di se.
Ciò che crocifigge gli apostoli è soprattutto che la Parola di Dio è una Parola esigente. Certamente è una buona novella che offre felicità ma è anche controcorrente dei nostri pensieri e della felicità che offre il mondo.
San Paolo, cosciente che l'apostolo autentico deve guardarsi da ogni parola compiacente e di non avere altra preoccupazione che di piacere a Dio, esorta fare della vita una liturgia rifiutando di modellare la vita sul mondo presente. "Non prendete per modello il mondo presente, ma trasformatevi rinnovando il vostro modo di pensare per saper riconoscere quale è la volontà di Dio"

Dinanzi a queste esigenze siamo tentati come Geremia, Mosè, Elia a fuggire dalle nostre responsabilità e a rinunciare di parlare di Dio. Si conosce la tentazione di Geremia " Io mi dicevo: non penserò più a Lui , non parlerò più in suo nome". Nell'oradella passione avverrà il rinnegamento di Pietro. MaGeremia non può non aggiungere: "Io avevo dentro di me come un fuoco divorante nel più profondo del mio essere. Mi impegnavo a dominarlo senza riuscirci"

Dio: un fuoco divorante impossibile a dominare. Non abbiamo paura di momenti di stanchezza o di rilassamernto. L'importante è essere uomini e donne che si lasciano bruciare dal fuco ardente, essere fedeli al Signore nel più profondo dell'essere. Dio è sempre per tutti un fuoco divorante,l'importante è lasciarsi divorare dalla Parola di Dio, lasciarsi trasformare dai pensieri di Dio che non sono nostri o piuttosto lasciare scrivere lo Spirito Santo nel nostro cuore ciò che Lui vuole scrivere.
Anche Ignazio d'Antiochia salendo a Roma per ricevere il martirio diceva: "C'è in me un'acqua che mormora: Vieni verso il Padre".

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

Newsletter

 

Seguici

lamiaVocazione.it
Suore Compassioniste Serve di Maria
Via Appia Nuova 1009
00178 Roma
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mappa